La presenza nelle Marche di ben 5 vini Docg (Denominazione di origine controllata e garantita) e 19 vini Doc (Denominazione di origine controllata) è la prova della varietà offerta da questa regione. Il clima fa la sua parte: è infatti particolarmente favorevole alla vite, grazie alle brezze che dal mare salgono verso l’interno percorrendo le assolate colline marchigiane che si succedono dal Metauro al Tronto, allineate e degradanti sul mare Adriatico.

IL VERDICCHIO

Il Verdicchio è conosciuto tra i grandi vini bianchi italiani per la sua sorprendente versatilità: può infatti essere gustato giovane, già nella primavera successiva alla vendemmia, oppure dopo un affinamento prolungato in cantina che gli regala un grande equilibrio gustativo. Nella versione Riserva, il Verdicchio dei Castelli di Jesi è uno dei più grandi vini bianchi italiani e non solo, capace di evolversi con il tempo. Dalle percezioni olfattive delicatamente fruttate, tipiche del Verdicchio giovane, già dal secondo anno raggiunge la maturità, con note vegetali e minerali in continua evoluzione, anche oltre i dieci anni dalla vendemmia, mantenendo un colore tenue dalle nuance verdoline, luminosissimo. Il Verdicchio dei Castelli di Jesi si può abbinare a tutti i piatti della cucina marchigiana e a molti piatti di pesce, si accosta bene anche alle carni bianche con salsa, purché non siano eccessivamente grasse, oppure ai funghi e ai formaggi. Poi c’è il Verdicchio di Matelica: l’enclave di Matelica ha prodotto nel corso del tempo una particolare selezione del vitigno Verdicchio, che lo rende unico. La versione Riserva ci regala un vino dalla struttura importante, capace di regalare sensazioni gusto-olfattive variegate che gli conferiscono grandissima longevità, che nelle grandi annate può superare i vent’anni di evoluzione. Il Verdicchio di Matelica può essere utilizzato come aperitivo o abbinato a piatti di pesce o a primi piatti con condimenti vegetali o di mare. Si accompagna spesso a zuppe di pesce e a pesci al cartoccio o al forno, ma è ottimo anche con le carni bianche. 

L’OFFIDA

Tra le denominazioni minori, ma di grande pregio, c’è la “Offida”, riconosciuta come Doc nel 2001 e dal 2011 Docg, che prende il nome da un antico comune situato nella provincia di Ascoli Piceno, già famoso per il carnevale storico. I vini di punta qui sono prodotti con due vitigni autoctoni a bacca bianca, Passerina e Pecorino. L’Offida Passerina è un vino dal colore giallo paglierino, con riflessi dorati, dai profumi tipici di frutta tropicale, di fiori bianchi e ginestra. Va consumato abbastanza giovane, di solito non oltre il secondo anno di vita, ed esiste anche nella versione spumante e passito. L’Offida Pecorino è un vino con buon livello di acidità, colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, profumo caratteristico e gradevole, con note di fiori bianchi, ananas, anice e salvia; in bocca è secco, caratteristico, sapido, fresco e con un retrogusto persistente.

LA VERNACCIA

Da provare assolutamente è la Vernaccia di Serrapetrona, che è stata la prima Docg delle Marche, prodotta nelle versione spumante secco e dolce. Una tipologia enoica che ha un primato mondiale: è l’unico spumante al mondo, che si ottiene mediante tre fermentazioni. Secondo la tradizione, si offriva polenta di mais con la “sapa” (condimento a base di mosto) e Vernaccia spumeggiante. Oggi si abbina di solito con il dessert: esalta la pasticcera secca e i biscotti. Nel tipo secco, è apprezzato accostato a formaggi piccanti e semiduri, oltre che a carni più sostanziose, a bolliti salsati e alla mostarda di frutta.

IL ROSSO CONERO

Sul fronte dei rossi, il Rosso Conero (Montepulciano min 85%, Sangiovese max 15%) è la denominazione che esprime la territorialità di Ancona, capoluogo delle Marche. L’area di produzione è limitata, circoscritta al comprensorio del Monte Conero, unico promontorio della costa italiana Adriatica compresa tra Trieste ed il Gargano: condizioni ambientali uniche, che donano al vino un colore rubino, brillante, profondo, intenso. Nella versione Riserva esprime tutto il suo potenziale con un periodo minimo di 12 mesi di affinamento in legno e 6 mesi in bottiglia. Il risultato è un vino di grande caratura, capace di mantenersi per lunghi anni. Il Rosso Conero e il Rosso Conero Riserva si abbinano a piatti a base di carni cotte alla brace, in particolare alla cacciagione arrosto al profumo di alloro.

 

Articolo di di Francesca Negri, www.geishagourmet.it

Potrebbe interessarti anche...