Il nome s’ispira all’antico metodo di conservazione in acqua del burro fresco, prima dell’avvento del frigorifero. Ottenuto da crema di centrifuga di latte fresco, proveniente esclusivamente dalle valli piemontesi, è di colore paglierino in estate, quando gli animali si nutrono d’erba, più chiaro in inverno quando si alimentano con il fieno. Il sapore inconfondibile, delicato ottenuto grazie all’impiego di fermenti selezionati è esaltato dal piacevole profumo di panna.

Potrebbe interessarti anche...